Ti sei mai chiesto o chiesta come comunicare efficacemente con qualcuno? Il tuo partner, il tuo datore di lavoro, un tuo amico, i tuoi genitori, tuo figlio? Benissimo. Sulla comunicazione assertiva si è detto tantissimo. Trovi una marea di contenuti in rete e sul mio canale trovi diversi spunti, diversi approcci e filoni legati alla comunicazione efficace e anche alla comunicazione assertiva. Ho fatto anche un webinar dedicato a “Come comunicare efficacemente in coppia”, che prende spunto da dei presupposti e paradigmi della comunicazione assertiva. In questo video voglio darti delle pillole, cinque tips che ti aiutano a tenere a fuoco come comunicare efficacemente, come comunicare assertivamente.

Cos’è la Comunicazione Assertiva?

La comunicazione assertiva, partiamo da una piccola definizione: è la volontà di comunicare chiaramente ed esplicitamente senza paura di esprimere i propri bisogni e i propri desideri, con un interesse sincero nel tentativo di trovare un accordo con l’altro, e quindi presuppone una volontà di aprirsi all’altro. Vediamo in che cosa consiste.

Consigli per una Comunicazione Assertiva

Punto Numero Uno: Sii Chiaro nel Tuo Linguaggio

È molto meglio essere percepiti come duri ma non correre il rischio di essere fraintesi che fare dei giri di parole senza far capire chiaramente qual è il tuo bisogno e qual è l’oggetto della tua comunicazione.

Punto Numero Due: Ascolta e Poi Rispondi

Non attendere che l’altro abbia finito di parlare per rispondere, come molte volte facciamo. Quante volte una persona ci si presenta e ci dice il suo nome e noi non ci ricordiamo dopo un secondo come si chiama perché siamo più concentrati a ripeterci nella testa il nostro che conosciamo da una vita per fare bella figura e dirlo bene, anziché ascoltare l’altro? C’è anche un bel detto di Zenone che dice: “Se abbiamo due orecchie e una bocca sola, dovremmo ascoltare il doppio di quanto parliamo.” Quindi, ascolta prima di rispondere e ascolta prima di parlare. Non attendere prima di parlare, ma ascolta quello che l’altro ti sta dicendo e poi formula la tua risposta.

Punto Numero Tre: Usa Messaggi “Io” e Non Messaggi “Tu”

Ovvero, quando parli con qualcuno, parla di come ti senti, di quello che pensi, di quello che hai percepito. Non dire all’altro cosa dovrebbe fare, dire, pensare o commentare o giudicare il comportamento dell’altro. Parla sempre di te e di quello che senti. Puoi parlare di come il comportamento dell’altro ti ha fatto sentire, ma parla di te. Usa i messaggi “io”, non parlare di quello che ha fatto l’altro o che dovrebbe fare, dire o pensare l’altro.

Punto Numero Quattro: Se Ti Senti Sopraffatto, Fermati

All’interno delle discussioni, delle conversazioni animate, molte volte perdiamo la lucidità e alcuni arrivano anche a dire delle cose che assolutamente non pensano. Fermati, chiedi una pausa, un time-out, e poi eventualmente riprendi. È molto meglio resistere alla volontà di far uscire quel fiume in piena delle emozioni piuttosto che poi pentirsi di aver detto delle cose magari irreparabili in un momento di ira, in un momento di emotività a mille.

Punto Numero Cinque: Accetta il Disaccordo

Non sta scritto da nessuna parte che una conversazione, una comunicazione, un confronto debba necessariamente terminare con un accordo reciproco. O meglio ancora, non sta scritto da nessuna parte che nella comunicazione ci sia una sorta di battaglia implicita in cui io cerco di convincere l’altro del fatto che la mia idea sia migliore e quindi l’esito della comunicazione è positivo esclusivamente nel momento in cui l’altro mi dà ragione. Puoi accettare il disaccordo e potete concordare sul fatto di non essere d’accordo, ma al tempo stesso legittimare l’idea dell’altro che è diversa dalla vostra.

Conclusioni

Queste sono solo cinque regolette, cinque consigli, cinque tips che però mi sentivo di dare affinché possano essere tenute a mente. Sono sicuramente semplici, ma nel momento in cui vengono applicate risultano essere estremamente utili. Fammi sapere cosa ne pensi, fammi sapere se li hai mai provati in passato, fammi sapere se ce ne sono altri che, ad esempio, usi e che per te sono efficaci, perché sulla comunicazione noi basiamo la costruzione della nostra realtà e per questo è un tema fondamentale per la qualità della nostra vita. A presto!

Contattami

Se le emozioni che proviamo ci impediscono di vivere come vorremmo, al punto da condizionare negativamente la nostra vita, è il momento di chiedere aiuto.

"*" indica i campi obbligatori

Nome*
Nome Completo*
Email*
Telefono*
Messaggio*
Sede*
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Partners

Iscriviti alla Newsletter di Matteo Radavelli

Ricevi consigli, ispirazione e strumenti pratici per una mente sana e felice!

Contattami