Le emozioni in terapia

Affrontiamo in questo articolo la tematica delle emozioni ponendoci una nuova domanda: che ruolo giocano le emozioni in terapia? Perchè sono così importanti?

Le emozioni giocano un ruolo fondamentale per due motivi:

  • il perchè una persona sta male risiede nelle emozioni, quindi le emozioni sono ciò che ci porta ad andare in terapia
  • la soluzione, la cura del problema, il lavoro che si fa all’interno della stanza di terapia ha a che fare con le emozioni

Ora, in maniera semplicistica, potremmo dire che una persona sceglie di andare in terapia per due ragioni ed entrambe sono legate alle emozioni. In un primo caso possiamo pensare ad una persona che sta vivendo un’emozione molto forte senza riuscire a riconoscerla, emozione che, quindi, troverà un’altra via per manifestarsi, probabilmente con una somatizzazione; in un secondo caso, al contrario, possiamo immaginare una persona che riconosce molto bene le emozioni che sta provando ma si rende conto di non riuscire a controllarle e per questo chiede aiuto. Se quindi questi sono i ruoli che possono avere le emozioni nel momento in cui una persona decide di andare in terapia, qual è il loro ruolo nel processo di cura?

Uno dei compiti dello psicoterapeuta è quello di rinarrare la storia del paziente e se è vero che il mezzo per farlo sono le parole, i significati sono emotivi. Il lavoro che si fa nella stanza di terapia è tutto a livello emotivo tant’è che non è necessario, come spesso chiede il paziente, registrare le sedute o prendere appunti: non sono importanti le parole che vengono dette ma le emozioni che suscitano.

 

 

Dr. Matteo Radavelli: Ciao, sono il Dr. Matteo Radavelli, Psicologo e Psicoterapeuta ad orientamento sistemico-relazionale. Mi sono laureato in Psicologia Clinica e Neuropsicologia presso l'Università degli studi di Milano Bicocca e specializzato in psicoterapia allo European Institute of Systemic-relational Therapies (E.I.S.T.). Ho lavorato per il Cassel Hospital di Richmond (Londra) e per l'Ospedale Maggiore Sant'Anna di Como come consulente psicologo, per il quale ho gestito il servizio "Stai Bene col Tuo Lavoro", rivolto ad imprenditori e dipendenti che hanno sviluppato una difficoltà psicologica connessa a problemi lavorativi ed economici. Attualmente dirigo e supervisiono 6 centri di psicologia e psicoterapia: Arcore, Monza, Seregno e Agrate Brianza (provincia di Monza e Brianza), Como e Merate (provincia di Lecco). Nel mio lavoro mi rivolgo ad individui, coppie e famiglie che attraversano un momento di difficoltà, partendo dal presupposto che il disagio non va considerato come esclusivamente interno all'individuo, ma come parte del sistema di relazioni in cui vive. Questa modalità consente di evidenziare i vincoli che mantengono la difficoltà e favorisce la loro rinegoziazione e superamento. Il metodo da me utilizzato è particolarmente utile in situazioni di ansia, problemi relazionali e problemi sessuali. Insieme dedicheremo i primissimi incontri ad approfondire il problema, costruendo la strada verso il cambiamento desiderato.
Articoli recenti