Il tradimento è un lutto

il tradimento è un lutto

 
Il tradimento è un lutto della propria immagine di sé e dell’immagine dell’altro. Quando una coppia si trova a vivere ed affrontare un tradimento deve ricontrattare inevitabilmente l’idea di coppia e l’idea stessa che i partner hanno di loro stessi e dell’altro. Dal punto di vista del tradito c’è inevitabilmente da lavorare sull’idea che si ha del partner e sull’idea che si ha della persona che si è scelto di avere accanto. L’immagine che si è costruita nel tempo viene sgretolata, cambia in senso negativo. Spesso infatti si sente dire “non avrei mai pensato che questa cosa potesse accadere, avrei messo la mano sul fuoco”, di fronte alla notizia del tradimento quindi queste persone si trovano completamente sconvolte e spiazzate. In queste situazioni devo modificare l’immagine che ho dell’altro al netto del tradimento che è avvenuto e devo anche modificare l’immagine di me stesso come persona che è stata tradita e che ha scelto una partner che poi ha tradito. Questo generalmente genera una lotta intestina con sé stessi appunto nel tentativo di andare a riequilibrare sia l’immagine del partner sia l’immagine che si ha di sé. Questo è vero sia dal punto di vista del tradito ma lo è altrettanto dal punto di vista del traditore poiché a sua volta deve riadattare la propria immagine in funzione dei feedback del partner tradito. Questo è un meccanismo abbastanza delicato e richiede un certo tipo di intervento e di forza anche dal punto di vista di entrambi i partner per poter essere affrontato e superato. Il traditore deve fare i conti con sé stesso, deve capire perché ha agito in quel modo e che significati ha. Per questo motivo a mio parere il tradimento diventa un lutto perché c’è sempre la perdita di qualcosa: dell’immagine di sé sia in termini individuali sia in termini di coppia e questo deve essere necessariamente affrontato se si vuole superare il tradimento e se c’è volontà da parte di entrambi i partner di proseguire con la relazione.

Dr. Matteo Radavelli – Psicoterapeuta e Psicologo Seregno
Via Ballerini 56, 20831 Seregno (MB)
+393479177302
info@matteoradavelli.it

Ho conseguito la Laurea in Psicologia Clinica e Neuropsicologia presso l’Università degli studi di Milano Bicocca, con successiva specializzazione in psicoterapia presso lo European Institute of Systemic-relational Therapies (E.I.S.T.). Svolgo la mia attività come professionista dal 2011 e mi occupo di percorsi di psicoterapia individuale, psicoterapia di coppia e familiare.

Sono il responsabile scientifico di 7 studi di psicologia a Seregno e in provincia di MB, Lecco e Como.

Dr. Matteo Radavelli: Ciao, sono il Dr. Matteo Radavelli, Psicologo e Psicoterapeuta ad orientamento sistemico-relazionale. Mi sono laureato in Psicologia Clinica e Neuropsicologia presso l'Università degli studi di Milano Bicocca e specializzato in psicoterapia allo European Institute of Systemic-relational Therapies (E.I.S.T.). Ho lavorato per il Cassel Hospital di Richmond (Londra) e per l'Ospedale Maggiore Sant'Anna di Como come consulente psicologo, per il quale ho gestito il servizio "Stai Bene col Tuo Lavoro", rivolto ad imprenditori e dipendenti che hanno sviluppato una difficoltà psicologica connessa a problemi lavorativi ed economici. Attualmente dirigo e supervisiono 6 centri di psicologia e psicoterapia: Arcore, Monza, Seregno e Agrate Brianza (provincia di Monza e Brianza), Como e Merate (provincia di Lecco). Nel mio lavoro mi rivolgo ad individui, coppie e famiglie che attraversano un momento di difficoltà, partendo dal presupposto che il disagio non va considerato come esclusivamente interno all'individuo, ma come parte del sistema di relazioni in cui vive. Questa modalità consente di evidenziare i vincoli che mantengono la difficoltà e favorisce la loro rinegoziazione e superamento. Il metodo da me utilizzato è particolarmente utile in situazioni di ansia, problemi relazionali e problemi sessuali. Insieme dedicheremo i primissimi incontri ad approfondire il problema, costruendo la strada verso il cambiamento desiderato.
Articoli recenti