I 5 linguaggi dell’amore

In questo articolo vorrei approfondire una tematica spesso richiesta ovvero dove vengono presi gli spunti per creare video e articoli, nonché tematiche interessanti da approfondire. Naturalmente il mondo delle letture in campo psicologico, come in altri campi, si divide in testi più clinici, profondi e complessi e testi di facile comprensione.

Tra questi ultimi, i più famosi sono:

  • “Gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere” di Jhon Gray
  • “L’intelligenza emotiva” di Goleman
  • “Alla ricerca delle coccole perdute” di Giulio Cesare Giacobbe
  • “I 5 linguaggi dell’amore” di Gary Champan

In questo spazio vorrei approfondire quest’ultimo testo “I 5 linguaggi dell’amore” di Gary Champan, un libro famosissimo, su cui sono stati scritti e registrati numerosi contenuti. Il libro in questione è allo stesso tempo profondo ma molto chiaro, affronta il tema attraverso un’iniziale suddivisione in due versanti:

  1. I 5 linguaggi dell’amore rivolti alla coppia  e alla vita amorosa
  2. I 5 linguaggi dell’amore rivolti alla relazione mamma-bambino quindi al mondo dell’infanzia.

In merito ai 5 linguaggi dell’amore rivolti alla coppia l’autore scrive che le modalità con cui le persone manifestano, desiderano, ricevere il proprio amore sono cinque canali.

Il primo di questi è è legato all’uso delle parole e dei complimenti quindi gli aspetti di supporto, supporto emotivo e di riconoscimento nella coppia.

Il secondo aspetto è  legato al tempo, soprattutto al tempo di qualità, l’essere presente per l’altro, mostrare di essere presenti e cercare di costruire, ritagliarsi, tempo per la coppia.

Il terzo canale è legato all’oggetto, al pensiero affettuoso, al gesto, semplice ma pensato, che manifesta l’amore.

Il quarto linguaggio è connesso al gesto concreto che dimostra, nei fatti, la presenza attraverso l’aiuto e il supporto nella quotidianità.

Il quinto e ultimo canale, quello più noto e più atteso, è l’aspetto di condivisione sessuale.

Ognuno di noi è naturalmente capace di muoversi attraverso questi cinque canali e linguaggi alcuni dei quali sono spontanei altri richiedono un approfondimento e apprendimento. L’aspetto importante, che l’autore mette in luce, si riferisce al fatto che è importante, fondamentale, pensare di amare per come la persona che ho accanto vorrebbe essere amata, non come noi vorremmo essere amati.

E’ importante quindi imparare a comunicare come vorremmo essere amati, di contro apprendere a percepire, interpretare, ascoltare, cosa serve al partner per sentirsi amato. 

Dr. Matteo Radavelli: Ciao, sono il Dr. Matteo Radavelli, Psicologo e Psicoterapeuta ad orientamento sistemico-relazionale. Mi sono laureato in Psicologia Clinica e Neuropsicologia presso l'Università degli studi di Milano Bicocca e specializzato in psicoterapia allo European Institute of Systemic-relational Therapies (E.I.S.T.). Ho lavorato per il Cassel Hospital di Richmond (Londra) e per l'Ospedale Maggiore Sant'Anna di Como come consulente psicologo, per il quale ho gestito il servizio "Stai Bene col Tuo Lavoro", rivolto ad imprenditori e dipendenti che hanno sviluppato una difficoltà psicologica connessa a problemi lavorativi ed economici. Attualmente dirigo e supervisiono 6 centri di psicologia e psicoterapia: Arcore, Monza, Seregno e Agrate Brianza (provincia di Monza e Brianza), Como e Merate (provincia di Lecco). Nel mio lavoro mi rivolgo ad individui, coppie e famiglie che attraversano un momento di difficoltà, partendo dal presupposto che il disagio non va considerato come esclusivamente interno all'individuo, ma come parte del sistema di relazioni in cui vive. Questa modalità consente di evidenziare i vincoli che mantengono la difficoltà e favorisce la loro rinegoziazione e superamento. Il metodo da me utilizzato è particolarmente utile in situazioni di ansia, problemi relazionali e problemi sessuali. Insieme dedicheremo i primissimi incontri ad approfondire il problema, costruendo la strada verso il cambiamento desiderato.
Articoli recenti