I 4 tipi di gelosia

Parliamo di gelosia e delle diverse forme che la gelosia può assumere, proviamo ad approfondire come la gelosia può essere declinata in diverse tipologie. Le ricerche scientifiche infatti ne evidenziano 4:

  • gelosia emotiva o reattiva
  • gelosia ansiosa o cognitiva
  • gelosia possessiva
  • gelosia proiettiva

Questi quattro tipi di gelosia sono essenziali per comprendere e declinare il problema nella situazione specifica.

La gelosia emotiva o reattiva è legata a qualcosa di effettivamente accaduto, un fatto o una minaccia concreta, reale rispetto la quale sentiamo possa suscitare una reazione all’interno della nostra relazione o possa alterare la fiducia che noi abbiamo nei confronti del partner. La gelosia emotiva viene spiegata come una reazione ad un fatto realmente accaduto. 

La gelosia ansiosa o cognitiva è una tipologia agita non solo a livello emotivo ma anche e soprattutto mentale, connessa ad una sensazione di insicurezza e di minaccia che vediamo ovunque soprattutto in termini ipotetici. Non c’è una reale causa, come nella gelosia emotiva, ma c’è una sensibilità e un continuo lavoro mentale di preoccupazione di ipotetici motivi di gelosia.

La gelosia possessiva è legata all’idea che l’altro mi appartiene, è qualcosa che non può essere condivido con l’altro e viene agita come una forma di controllo, talvolta anche violento. Il controllo è teso ad essere certi che l’altra persona appartenga.

L’ultima forma di gelosia, la gelosia proiettiva, è diversa da tutte le precedenti poiché dipende dalla proiezione di nostre responsabilità sull’altro: per esempio uno dei due partner sviluppa un’amicizia con una particolare connessione con una persona e sentendosi in colpa proietta sul partner il senso di colpa attribuendo luilei delle responsabilità.

Riuscire a capire quale tipologia di gelosia viene vissuta è fondamentale per comprendere dove andare a lavorare per non condizionare, alterare e rovinare la relazione. 

Dr. Matteo Radavelli: Ciao, sono il Dr. Matteo Radavelli, Psicologo e Psicoterapeuta ad orientamento sistemico-relazionale. Mi sono laureato in Psicologia Clinica e Neuropsicologia presso l'Università degli studi di Milano Bicocca e specializzato in psicoterapia allo European Institute of Systemic-relational Therapies (E.I.S.T.). Ho lavorato per il Cassel Hospital di Richmond (Londra) e per l'Ospedale Maggiore Sant'Anna di Como come consulente psicologo, per il quale ho gestito il servizio "Stai Bene col Tuo Lavoro", rivolto ad imprenditori e dipendenti che hanno sviluppato una difficoltà psicologica connessa a problemi lavorativi ed economici. Attualmente dirigo e supervisiono 6 centri di psicologia e psicoterapia: Arcore, Monza, Seregno e Agrate Brianza (provincia di Monza e Brianza), Como e Merate (provincia di Lecco). Nel mio lavoro mi rivolgo ad individui, coppie e famiglie che attraversano un momento di difficoltà, partendo dal presupposto che il disagio non va considerato come esclusivamente interno all'individuo, ma come parte del sistema di relazioni in cui vive. Questa modalità consente di evidenziare i vincoli che mantengono la difficoltà e favorisce la loro rinegoziazione e superamento. Il metodo da me utilizzato è particolarmente utile in situazioni di ansia, problemi relazionali e problemi sessuali. Insieme dedicheremo i primissimi incontri ad approfondire il problema, costruendo la strada verso il cambiamento desiderato.
Articoli recenti