Crisi di coppia post-parto: i 3 errori delle mamme

Parliamo di crisi di coppia all’arrivo di un figlio, abbiamo già affrontato gli elementi che facilitano una crisi a fronte di aspetti più paterni, ora affrontiamo una riflessione in merito alle false credenze delle mamme. 

Innanzitutto sottolineiamo l’idea che la madre ha del suo essere donna e del suo essere madre: nel momento in cui si diventa mamma si sviluppa questa necessità simbiotica, il bambino necessita di simbiosi cosa che può risucchiare totalmente l’energia e porta ai limiti della sopportazione. E’ come se il primo errore delle mamme è legato all’idea di poter fare il lutto da se stessi. Da un lato c’è una delle gioie più grandi che una donna può vivere dall’altro lato, tuttavia, è fondamentale fare il lutto della propria vita precedente poiché la nascita trasforma.

L’idea che la gestazione dura 9 mesi è sbagliata, l’eso-gestazione dura almeno 3 anni: è un percorso molto più lungo, non è un sprint, è una maratona.

Molte volte inoltre ci si aspetta che ci siano delle pause dall’essere genitori, ma non è così, essere genitori implica essere genitori 2424h. Spesso la notte diventa un tema difficile, spinoso, si ha bisogno di staccare e ritrovarsi. Durante la notte ci sono i bisogni del bambino, della mamma e i dubbi della coppia genitoriale in merito.

Avere un figlio è come una maratona o ci si organizza o questa porta a chiuderci sentendo il sacrificio come mortale: si perde totalmente la propria persona che deve essere messa fra parentesi.

Dr. Matteo Radavelli: Ciao, sono il Dr. Matteo Radavelli, Psicologo e Psicoterapeuta ad orientamento sistemico-relazionale. Mi sono laureato in Psicologia Clinica e Neuropsicologia presso l'Università degli studi di Milano Bicocca e specializzato in psicoterapia allo European Institute of Systemic-relational Therapies (E.I.S.T.). Ho lavorato per il Cassel Hospital di Richmond (Londra) e per l'Ospedale Maggiore Sant'Anna di Como come consulente psicologo, per il quale ho gestito il servizio "Stai Bene col Tuo Lavoro", rivolto ad imprenditori e dipendenti che hanno sviluppato una difficoltà psicologica connessa a problemi lavorativi ed economici. Attualmente dirigo e supervisiono 6 centri di psicologia e psicoterapia: Arcore, Monza, Seregno e Agrate Brianza (provincia di Monza e Brianza), Como e Merate (provincia di Lecco). Nel mio lavoro mi rivolgo ad individui, coppie e famiglie che attraversano un momento di difficoltà, partendo dal presupposto che il disagio non va considerato come esclusivamente interno all'individuo, ma come parte del sistema di relazioni in cui vive. Questa modalità consente di evidenziare i vincoli che mantengono la difficoltà e favorisce la loro rinegoziazione e superamento. Il metodo da me utilizzato è particolarmente utile in situazioni di ansia, problemi relazionali e problemi sessuali. Insieme dedicheremo i primissimi incontri ad approfondire il problema, costruendo la strada verso il cambiamento desiderato.
Articoli recenti