Come cambia la relazione?

Dottore la nostra relazione è cambiata, prima eravamo molto affettuosi ora meno, vivo un po’ nel timore che va tutto bene“, la domanda che sta sotto questa osservazione ricevuta da un paziente sottolinea se sia giusto che la relazione subisca dei cambiamenti.

In una relazione, generalmente, tramite l’altro riusciamo a ottenere degli obiettivi, ci sentiamo meglio, riusciamo a raggiungere una versione di noi che ci appaga maggiormente. Mano a mano che la relazione prosegue cambiano tuttavia i bisogni individuali e quelli di coppia, pertanto è “normale” che la relazione stessa si trasformi. Per esempio la relazione potrebbe passare dalla fase di innamoramento alla fase d’amore, successiva all’innamoramento, ciò implica una nuova organizzazione delle dinamiche della relazione.

Questo non è un problema purché i due partner siano entrambi d’accordo ed anche appagati dalla tipologia di contatto, effusione, che si stanno costruendo. Tendenzialmente, con l’evoluzione della relazione, si nota una diminuzione delle effusioni per un rafforzarsi dell’affermazione dell’autonomia e individualità. Il tempo trascorso in coppia inizialmente era quasi totalizzante, successivamente invece c’è una maggiore espressione dei bisogni individuali. 

Questo aspetto di maggiore individualità non deve essere letto come un limite ma come risorsa, infatti comunica che il partner si avverte sufficientemente completo in coppia motivo per cui si permette di vivere momenti individuali. Questi ultimi infatti vanno a nutrire i momenti di coppia.

Il limite tendenzialmente si genera quando l’altro non è lasciato libero di avere una propria autonomia e vive in una situazione di controllo.

Dr. Matteo Radavelli: Ciao, sono il Dr. Matteo Radavelli, Psicologo e Psicoterapeuta ad orientamento sistemico-relazionale. Mi sono laureato in Psicologia Clinica e Neuropsicologia presso l'Università degli studi di Milano Bicocca e specializzato in psicoterapia allo European Institute of Systemic-relational Therapies (E.I.S.T.). Ho lavorato per il Cassel Hospital di Richmond (Londra) e per l'Ospedale Maggiore Sant'Anna di Como come consulente psicologo, per il quale ho gestito il servizio "Stai Bene col Tuo Lavoro", rivolto ad imprenditori e dipendenti che hanno sviluppato una difficoltà psicologica connessa a problemi lavorativi ed economici. Attualmente dirigo e supervisiono 6 centri di psicologia e psicoterapia: Arcore, Monza, Seregno e Agrate Brianza (provincia di Monza e Brianza), Como e Merate (provincia di Lecco). Nel mio lavoro mi rivolgo ad individui, coppie e famiglie che attraversano un momento di difficoltà, partendo dal presupposto che il disagio non va considerato come esclusivamente interno all'individuo, ma come parte del sistema di relazioni in cui vive. Questa modalità consente di evidenziare i vincoli che mantengono la difficoltà e favorisce la loro rinegoziazione e superamento. Il metodo da me utilizzato è particolarmente utile in situazioni di ansia, problemi relazionali e problemi sessuali. Insieme dedicheremo i primissimi incontri ad approfondire il problema, costruendo la strada verso il cambiamento desiderato.
Articoli recenti