Dottore, non interrompo la relazione perché il mio partner sta vivendo un periodo complicato, faccio bene o faccio male?”.

E’ una domanda che apre diversi interrogativi, innanzitutto è bene considerare che non esiste mai un giusto e uno sbagliato in una relazione di coppia, tranne casi di violenza o azioni rischiose. Non c’è un giusto e uno sbagliato ma tante implicazioni da considerare.

Innanzitutto si potrebbe decidere di stare con una persona come forma di riconoscenza. Ci si accorge di volere molto bene alla persona ma di non esserne più innamorati, quindi di volerlo\a lasciare. Tuttavia, a fronte del periodo di difficoltà che vive il partner, si potrebbe decidere di evitare di sommare altro dolore e fatica al dolore stesso. Il partner quindi potrebbe decidere di aiutare il compagno\a, già dolorante, ad uscire dal periodo faticoso affinché poi si possa prendere una decisione in merito alla relazione.

Questa decisione porta con se una serie di controindicazioni, altre facce della moneta, come: cosa ci rimetti? Quanto ti costa e ti pesa? Lo fai solo per lui o lo fai anche per te? sei davvero disposto a sorreggere questa fatica?.

E’ utile chiedersi quindi “a chi faccio bene o male?”: non è detto che stare vicino alla persona che sta male significhi necessariamente fargli del bene.  Farlo in un ottica sacrificale o per correttezza nei confronti dell’altro, non sempre porta ad esiti positivi.

Teniamo ben presente che è fondamentale chiedersi: “per chi lo fai”?

Contattami

Se le emozioni che proviamo ci impediscono di vivere come vorremmo, al punto da condizionare negativamente la nostra vita, è il momento di chiedere aiuto.

Nome*
Nome Completo*
Email*
Telefono*
Messaggio*
Sede*
Consenso*
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Partners

Contattami