Di cosa ha paura un dipendente affettivo? Sicuramente, considerando che la dipendenza affettiva porta ad essere felici e soddisfatti solo in presenza ed in funzione dell’altro, dell’abbandono (e del rifiuto). Per evitare di cadere nella banalità dello stereotipo vale la pena scendere un po’ più in profondità e specificare che esistono diverse tipologie di dipendenza affettiva e che queste differenze sono però tutte accomunate dalla paura che il dipendente affettivo prova.

Esistono ad esempio dipendenti affettivi ossessivi che si fissano sul voler mantenere una relazione anche quando il partner non è più disponibile nè emotivamente nè sessualmente; dipendenti affettivi codipendenti che appiattiscono totalmente la propria autostima ottenendo definizione attraverso l’altro; dipendenti affettivi da relazione che hanno bisogno della presenza (più che della persona) e quindi rimangono all’interno di una relazione anche se non sono più innamorati; dipendenti affettivi narcisisti che utilizzano il potere e il controllo per mortificare l’altro; dipendenti affettivi ambivalenti che bramano una persona e quando finalmente entrano in intimità con essa fuggono spaventati; dipendenti affettivi rifiutanti che respingono l’oggetto del loro amore; dipendenti affettivi romantici, che intrattengono più relazioni contemporaneamente così da sentirsi validi, riconosciuti.

Cosa accomuna tutte queste tipologie di dipendenza affettiva? Come abbiamo detto è la paura dell’abbandono. Il DA narcisista mortifica la vittima per tenerla vicina, il DA romantico intrattiene più relazioni per avere sempre una “riserva” in caso di abbandono, il DA rifiutante abbandona per non essere abbandonato.

Contattami

Se le emozioni che proviamo ci impediscono di vivere come vorremmo, al punto da condizionare negativamente la nostra vita, è il momento di chiedere aiuto.

Nome*
Nome Completo*
Email*
Telefono*
Messaggio*
Sede*
Consenso*
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Partners

Contattami